Brexit: UBS potrebbe spostare parte dell’attività in Germania

UBS può trasferire dalla Gran Bretagna alla Germania attivi per circa 32 miliardi di euro (37 miliardi di franchi). Lo ha deciso a Londra il giudice Alastair Norris, che ha approvato i piani messi a punto dalla banca elvetica in vista della Brexit. Norris – riferisce l’agenzia Bloomberg – ha riconosciuto che i propositi rappresentano una risposta allo “shock esterno” di un’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea e che non sono stati preordinati per “vantaggio commerciale” o con l’obiettivo di una “razionalizzazione interna”. UBS aveva presentato la richiesta di spostare parte delle sue attività motivandola con il “rischio reale e immediato” di perdere il diritto di commercializzare prodotti e servizi nell’Ue. Concretamente le attività dell’unità britannica UBS Ltd. passeranno il primo marzo a UBS Europe SE e saranno così sottoposte alla giurisdizione della Banca centrale europea (Bce). I posti di lavoro che cambieranno di sede saranno meno di 200. La settimana scorsa Barclays aveva fatto qualcosa di simile, chiedendo il via libera al trasferimento a Dublino di parte delle attività. Come noto la data prevista per la Brexit è il 29 marzo 2019.

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista