Dobbiamo salvare la terra

L’imprenditore di origini bernesi Hansjörg Wyss dona un miliardo di dollari per la salvaguardia dell’ambiente. L’obiettivo è quello di mantenere circa il 30% della Terra allo stato naturale fino al 2030. Concretamente. Il denaro sarà utilizzato per creare parchi nazionali, riserve naturali o aree marine protette. Inoltre, servirà per finanziare la ricerca per sviluppare misure di conservazione più efficaci.

In una lettera aperta pubblicata sul New York Times, il miliardario 83enne, che vive sulla costa orientale degli Stati Uniti, precisa che la donazione sarà suddivisa sull’arco di dieci anni.

Tutti noi, cittadini, filantropi, imprenditori e capi di stato dovremmo preoccuparci dell’enorme divario tra la scarsa protezione di cui gode attualmente l’ambiente e ciò che dovrebbe essere protetto“, ha scritto Wyss nella sua lettera aperta. “Questa è una lacuna che dobbiamo colmare con urgenza, prima che l’impronta umana prenda il sopravvento sugli ultimi luoghi selvaggi della Terra“.

Wyss non è nuovo a queste iniziative. Oltre a donazioni a sostegno di paesi africani, il bernese aveva già donato 120 milioni di dollari al Politecnico federale svizzero di Zurigo (ETH Zurich) e all’Università di Zurigo per un centro di ricerca comune.

Fondatore del gruppo di tecnologia medica Synthes, Hansjörg Wyss si è arricchito vendendo l’azienda alla multinazionale americana Johnson & Johnson. L’anno scorso la rivista economica Bilanz ha stimato il suo patrimonio tra i sette e gli otto miliardi di franchi.

Presidente della Fondazione Beyeler, si occupa anche di arte e sport popolari.

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista