È Carouge il comune più solidale della Svizzera

Il comune ginevrino di Carouge è il più solidale della Svizzera. Ma sempre più località orientano le loro pratiche di acquisto verso la sostenibilità sociale e sono impegnate nella cooperazione allo sviluppo. È quanto risulta dalla “pagella” del 2019 redatta da Solidar Suisse (ex Soccorso operaio svizzero), che non comprende valutazioni per la Svizzera italiana.

La quarta edizione del rating di Solidar mostra che il numero dei migliori è passato da 12 a 16 e non c’è più alcuna comunità con 0 punti. Il capofila degli 87 interpellati in Svizzera è Carouge, che ha stabilito un nuovo record con 97,5 punti su 100.

Solidar ricorda che i comuni svizzeri acquistano beni per un valore di 16 miliardi di franchi all’anno. Hanno di conseguenza una notevole forza di mercato e una funzione di modello di riferimento. Dal 2011 Solidar si interessa quindi a quanto i comuni investono in progetti per combattere la povertà in tutto il mondo o, ad esempio, a come si assicurano che le uniformi, i computer o altri prodotti siano acquistati e prodotti in condizioni di lavoro dignitose.

Nella classifica di quest’anno 16 comuni ottengono il massimo dei voti. Berna, Carouge, Ginevra, Ittigen (BE), Küsnacht (ZH), Losanna, Moutier (BE), Nyon (VD), Riehen (BS), Vevey (VD), Yverdon (VD) e Zurigo erano già ai primi posti nelle valutazioni precedenti. Ora arrivano fra i migliori anche Meyrin (GE), Montreux (VD), Onex (GE) e Plan-les-Ouates (GE).

Carouge rafforza quindi la tendenza dei comuni della Svizzera romanda ad essere particolarmente solidali. La Svizzera tedesca ha invece ancora potenziale di miglioramento: oltre un terzo dei comuni intervistati non fanno nulla o fanno poco o nulla nell’ambito della solidarietà, secondo la valutazione di Solidar Suisse.

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista