Le carte di debito sempre più amate dagli svizzeri

La carta di debito, almeno in termini di fatturato, è il mezzo di pagamento più popolare in Svizzera. Secondo lo Swiss Payment Monitor, il successo è dovuto anche all’introduzione della funzione «contactless» (senza contatto).

Dallo studio pubblicato mercoledì, condotto dall’Alta scuola zurighese di scienze applicate (ZHAW) e dall’Università di San Gallo, i pagamenti effettuati con carte di debito come Maestro e PostFinance rappresentano il 29% del fatturato. A poca distanza seguono quelli realizzati tramite contanti (27%) e carte di credito (22%), più lontane le fatture (14,5%).

Come detto, ad aver influito positivamente sull’utilizzo delle carte di debito è il sistema di versamento senza contatto. Questo non richiede l’inserimento fisico della carta nel lettore, ma rende sufficiente il solo avvicinamento. La carta di debito è considerate pratica, rapida e moderna, rileva la ricerca, che si riferisce al 2018. I contanti, con una quota del 48%, restano invece il mezzo più usato in termini di numero di transazioni.

L’importo e la situazione svolgono un ruolo importante nella scelta del metodo di pagamento. Vi è per esempio una notevole differenza fra un acquisto in un negozio e uno su Internet. Il denaro contante viene preferito per i piccoli importi, mentre la carta è più comoda dai 20 franchi in su.

Per quanto riguarda i pagamenti mobili, essi rimangono poco frequenti (2% del fatturato), ma si stanno piano piano facendo largo tra la popolazione.

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista