Locarno Festival: i film di sabato 10 agosto

CONCORSO INTERNAZIONALE

PalaExpo Fevi ore 14°°

Yokogao (A Girl Missing)

yokogao

Giappone, Francia – 2019, 111′

Regia di Koji Fukada con Mariko Tsutsui, Mikako Ichikawa, Sosuke Ikematsu

Ichiko lavora come infermiera per una famiglia di cui ormai fa quasi parte. Ma, quando la sorella minore scompare, i media rivelano che il rapitore è suo nipote…

I film di Fukada hanno sempre minato alle fondamenta la stabilità della società giapponese, e questo non fa eccezione. La frenesia mediatica attorno a un caso di rapimento intrappola Ichiko, ma lei non è del tutto innocente. Come suggerisce il titolo Yokogao(profilo laterale), la donna nasconde più di una storia, in questo racconto ammonitore sul prezzo del non detto e su ciò che implica rivelare quel che dovrebbe restare segreto.

Julian Ross

PalaExpo Fevi ore 16:30

Das freiwillige Jahr (A Voluntary Year)

die freiwillige

Germania – 2019, 86’

Regia di Ulrich Köhler, Henner Winckler, con Maj-Britt Klenke, Sebastian Rudolph, Thomas Schubert

Spinta dal padre, che spera di sottrarla alla vita di provincia, Jette sta per trascorrere un anno da volontaria all’estero. Ma alle aspettative di lui si oppone l’amore, e la giovane non sa più cosa vuole.

Imprigionato in uno stato d’urgenza, Urs si muove come un animale in trappola: tradito da una figlia che diventa grande, ferito da un fratello che forse non ha più bisogno di lui, incerto su un amore che sta reclamando spazio nella sua vita. Un dramma contemporaneo su un uomo stretto nella morsa del tempo, che solo il cinema sa restituire con la giusta efficacia, trasformando in una danza la fuga di un’adolescente da suo padre.

(Daniela Persico)

FUORI CONCORSO

PalaExpo Fevi ore 18:30

Baghdad in my Shadow

bagdad

Svizzera, Germania, Gran Bretagna, Iraq – 2019, 109′

Regia di Samir, con Haytham Abdulrazaq, Zahraa Ghandour, Waseem Abbas

Un autore fallito, una moglie latitante, un informatico gay clandestino si incontrano in un bar iracheno a Londra. Incitato da uno sceicco radicale, il nipote dello scrittore li aggredisce, mettendo a soqquadro le loro vite.

Film corale ambientato nella diaspora irachena a Londra, Baghdad in my Shadow ci mostra diverse maniere di vivere l’esilio e di venire a patti con la propria identità. Nessuna sembra essere ideale, ma ciascuno sembra riconciliarsi con il proprio passato. Sostenuto da una narrazione abile e piena di suspense, il film mette i suoi personaggi di fronte ai fantasmi della Storia.

(Victor Bournérias)

PIAZZA GRANDE

Ore 21:30

Once Upon a Time… in Hollywood

once upon a time

Stati Uniti, 2019, 161′

Regia di Quentin Tarantino, con Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Al Pacino

Los Angeles, 1969: in un periodo in cui tutto sta cambiando, anche la star televisiva Rick Dalton e il suo stuntman Cliff Booth devono familiarizzare con una realtà che quasi non riconoscono più.

Quentin Tarantino ci trasporta nella Los Angeles del 1969, anno che segna la fine di quel decennio e del sogno hippie: è l’inizio di un’era più buia e cinica. Tarantino firma il suo film più malinconico e dolente, illuminato dall’incredibile tandem Leonardo DiCaprio-Brad Pitt e dalla presenza solare di Margot Robbie nei panni di Sharon Tate, e ancora una volta celebra il potere della finzione sul reale.

(Victor Bournérias)

Età legale in Svizzera 16 anni.

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista