Milano: stop ai diesel inquinanti

I veicoli più inquinanti non possono più entrare nella città lombarda che ha istituito la più grande Zona a traffico limitato d’Italia

La più grande Zona a traffico limitato antinquinamento d’Italia è stata istituita lunedì mattina a Milano. L’Area B ora si estende a circa il 72% del territorio comunale ed  impedisce l’accesso a quasi tutta la città ai veicoli più datati. Non sono ammessi i veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e alle moto a due tempi Euro 0 e 1. Il provvedimento è in vigore ogni giorno (dal lunedì al venerdì), dalle ore 7.30 alle 19.30, esclusi i festivi.

I primi toccati saranno i quasi 2 milioni di residenti nel comparto, ma la novità interessa tutti coloro che ogni giorno entrano in città a bordo di un veicolo a motore.

Per il prossimo primo ottobre è già prevista l’entrata in vigore di ulteriori limitazioni alla circolazione. Saranno vietati anche i diesel Euro 4 (già vietati dal 2017 nell’Area C). Poi seguiranno gli altri divieti progressivi fino al 2030, quando nella capitale lombarda saranno vietati tutti i diesel.

Le multe per chi non rispetterà i divieti ammontano a 80 euro. Le sanzioni scatteranno dopo un certo numero di accessi. È previsto che al primo transito da uno dei 187 i varchi (15 dei quali già dotati di telecamere collegate a un sistema informatico) i conducenti ricevano per posta un avviso che spiega il funzionamento del provvedimento, invitandoli a mettersi in regola ma anche ad iscriversi al portale per controllare e gestire i passaggi.

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista