Torna a crescere in Svizzera il numero dei frontalieri

Torna a crescere sensibilmente il numero dei frontalieri in Svizzera: erano 322’838 alla fine di giugno, con una progressione del 2,4% su base annua e dell’1,9% in confronto ai primi tre mesi del 2019.

In Ticino è stato segnato un nuovo record, con 66’316 lavoratori da oltre confine, di cui quasi 2000 in più nel settore terziario nel solo spazio di tre mesi.

Stando ai dati diffusi ieri dall’Ufficio federale di statistica (UST) il cantone a Su de delle Alpi presenta la crescita più marcata rispetto al periodo gennaio-marzo, con +3,8% (+2447 persone). Sull’arco dei 12 mesi la progressione è del 3,4%.

In Ticino il numero assoluto aveva raggiunto un picco (a 66’046) nel secondo trimestre 2017, poi era calato sino a 62’053 a fine 2018. Da allora è tornato a salire, stabilendo un nuovo primato assoluto. La gran parte dei lavoratori che varca il confine – rivelano le informazioni dell’ufficio cantonale di statistica – è impiegato nel settore dei servizi (42’399) e proprio in questo ramo è stata riscontrato l’incremento maggiore (+1926). Nel settore secondario era impiegate 23’382 persone (+486), nel primario 539 (+36).

A livello nazionale i lavoratori che passano di più il confine sono i francesi (176’955, +1,9% sul primo semestre e +3,2% annuo) e gli italiani (74’920, +3,6%, +3,7%). Variazioni assai più contenute vengono mostrate da tedeschi (60’169, +0,2%, -1,1%) e austriaci (8278, invariato, -0,5%).

Le regioni più attraenti, oltre al Ticino, sono quelle del Lemano (120’857) e la Svizzera nord-occidentale (69’279), che comprende Basilea. La gran parte dei frontalieri lavora nel terziario, che mostra anche tassi di crescita più elevati (215’385, +2,1% e +2,8%). Rimane comunque ancora importante anche il settore secondario (105’354, +1,5%, +1,6%).

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista