Wolkenbruch candidato agli Oscar per la Svizzera

L’Ufficio federale della cultura ha scelto di candidare a Hollywood la pellicola tratta dal romanzo di Thomas Meyer

La Svizzera ha deciso di mandare a Hollywood Wolkenbruch di Michael Steiner quale candidato per la nomination agli Oscar categoria dei film stranieri. La commedia – che sarà proiettata anche al FEVI di Locarno sabato 17 agosto alle 11.15 – è tratta dal romanzo best seller di Thomas Meyer Wolkenbruchs wunderliche Reise in die Arme einer Schickse posa lo sguardo sulla comunità ebraica ortodossa ed è costellata di dialoghi in yiddish. Al centro della scena troviamo lo studente Motti Wolkenbruch, che con grande indignazione della madre si innamora di Laura, una Schickse, una donna non ebrea.

La giuria motiva così la sua scelta: «Quest’anno la Svizzera mette in gara un film molto apprezzato dal pubblico, nel quale il regista Michael Steiner mette in scena in modo divertente e commovente una questione esistenziale: dove nasce una persona e come trova la sua strada? Un cast di eccellenza fa di Wolkenbruch una commedia convincente. Soprattutto il protagonista Joel Basmann sarà un volto importante della campagna per gli Oscar».

Il film è stato prodotto a Zurigo dalla Turnus Film in collaborazione con DCM Pictures e SRF Schweizer Radio und Fernsehen e nel 2018 è stato il film nazionale di maggior successo nei cinema svizzeri, con circa 300 000 spettatori. Netflix ha acquisito i diritti a livello mondiale e lo trasmetterà per tutto il 2019.

La Academy of Motion Picture Arts and Sciences di Hollywood pubblicherà la short list dei film nominati agli Oscar a dicembre, mentre i cinque film nominati saranno resi noti il 13 gennaio 2020. La cerimonia di consegna si terrà il 9 febbraio 2020 al Dolby Theatre di Los Angeles.

La giuria che ha selezionato il film svizzero era composta da Christoph Schaub (regista e presidente della giuria), Joëlle Bertossa (produttrice), Sabine Boss (regista), Caterina Mona (film editor e Max Karli (produttore).

Lascia un commento

X

Newletter - La Rivista